Il cuscino per l’allattamento è necessario

Un cuscino per allattare è un ottimo modo per evitare coliche, mal di schiena e infezioni al bambino. Quando ne comprate uno, fate attenzione alla sua forma, perché ne determina lo scopo. I più popolari sul mercato sono i cuscini a forma di croissant a forma di U o C. Possiamo anche trovare un cuscino per allattamento a forma di cuboidi, cubi, o vari cuscini a imitazione di animali.

Source:http://cuscino-allattamento.info

Bisogna scegliere quello giusto

I maggiori vantaggi sono la posizione confortevole del bambino e della madre. Il cuscino allevia la colonna vertebrale per l’allattamento e l’allattamento. Inoltre, se scegliamo un cuscino di forma universale, saremo in grado di usarlo per separare le gambe di una donna incinta e per mettere il nostro bambino mentre dorme. Inoltre, tale cuscino può essere perfettamente utilizzato come cuscino post-partum per sedersi con a cavallo in modo meno dolorante. Però, c’è il lato negativo del cuscino per l’allattamento: può infatti manifestarsi in un disallineamento tra i cuscini e il bambino o la madre. Questo tipo di situazione renderà l’acquisto scomodo per una o entrambe le parti. Quando si sceglie un cuscino per l’allattamento, la cosa più importante è abbinarlo correttamente alla silhouette della persona che allatta. Il cuscino deve essere ben aderente alla vita della mamma o del papà, in modo che non scivoli o si muova. Grazie a questo, ridurremo al minimo il rischio di incidenti e saremo in grado di raggiungere vari accessori per l’alimentazione (come un biberon e i necessari fazzoletti) abbastanza comodamente.

Per concludere, Il cuscino per l’allattamento significa che il bambino si sdraia su di esso in una posizione naturale, con un’angolazione delicata, in modo che la testa sia leggermente più alta del resto del corpo. Grazie a questa posizione, eviteremo coliche, gas e problemi di questo genere, migliorando l’esperienza di maternità. Per questo i cuscini per l’allattamento sono diventati necessari!

Leggi anche La storia del frullatore