Non tirare lo sciacquone che mi si spegne la tivvù

biomasse.gif Energia elettrica dalle feci "Ricavare energia elettrica dalle feci dei visitatori. E’ questa l’originale idea dei responsabili del museo della scienza di Londra che, in tal modo, sono certi di riuscire a risparmiare importanti risorse economiche.
Utilizzare quanto prodotto dai 3 milioni di visitatori l’anno, infatti, permetterebbe di recuperare tanta energia quanta ne serve per illuminare l’immenso edificio. "Dato che l’ingresso è gratuito – ha detto Jon Tucker, capo del museo che per cominciare a tagliare gli enormi costi relativi all’energia elettrica ha fatto installare diversi pannelli solari sul tetto dell’edificio – andare al bagno potrebbe dare ai visitatori la possibilità di ripagare l’ospitalità".
Il riciclaggio delle feci potrebbe sembrare a prima vista "inutile e di cattivo gusto" ma con i 3 milioni di visitatori annui permetterebbe di produrre oltre 1.550 kilowatt, pari all’energia necessaria per tenere accese 15mila lampadine. Per ricavare energia, gli escrementi potrebbero essere bruciati in un mini-inceneritore oppure utilizzati per alimentare una pila a combustibile microbico, che usa cioè i batteri contenuti nelle feci per produrre elettricità. In questo modo si contribuirebbe poi ad eliminare tutti quegli elementi organici nocivi che in altro modo finirebbero impattare sull’ecosistema del nostro pianeta.
L’iniziativa non è comunque la prima di questo genere. In Australia, gli escrementi dei maiali vengono impiegati in questo modo per fornire elettricità a diverse fattorie ed in Thailandia gli scienziati stanno studiando come usare la pila a combustibile microbico e gli escrementi umani per alimentare le automobili."
da ECplanet

Questa la notizia che facilmente induce al sospetto di un’ennesima leggenda metropolitana. In effetti si tratta di una tecnologia abbastanza consolidata. "La sensazionale scoperta è stata fatti nei laboratori dell’Università della Pennsylvania, negli Stati Uniti. Gli scienziati hanno messo a punto un particolare apparecchio in grado di separare gli elettroni dai batteri delle feci e utilizzarli per produrre elettricità . Il particolare apparecchio, Microbial Fuel Cell, lungo 15 centimetri, trasforma le feci in energia. E, una volta rodato, potrà creare una mole di energia sempre maggiore. In altre parole, le feci di 100mila persone sono in grado di produrre 51 kilowatts di elettricità."
da TgCom

L’attivazione di impianti sperimentali è già programmata, oltre che negli Usa, anche in Australia, Olanda e Giappone. L’Italia non possiede ancora il necessario know-how, ma il Presidente del Consiglio, Berlusconi, è sicuro che – grazie alla sua personale amicizia con G.W. Bush – anche il nostro Paese potrà dotarsi di impianti in grado di abbattere la pesante bolletta energetica. In tal senso è già attivo un canale tra i due gabinetti.

Intanto parla.