Facimm’ ammuina: Micciché ha partorito Forza Sud!


Si avviano a soluzione i secolari problemi del Mezzogiorno d’Italia.
Gianfranco Micciché realizza finalmente la sua idea fissa: ha annunciato la nascita di Forza Sud, una specie di lega meridionale per bilanciare il peso che nel governo hanno i padani.
I primi dibattiti si sono accesi intorno al simbolo. Le varie correnti  nelle quali si é già  diviso il partito (tanto per buttarsi avanti col lavoro) si sono fronteggiate con logo raffiguranti di volta in volta babà , pastiere, cannoli; l’asse Corleone-Casal di Principe ha a lungo insistito per un simbolo che si rifacesse al pizzo o, in subordine, al pizzino.
Alla fine una mozione di compromesso ha ottenuto il placet di tutti: una pizza. Il fondo azzurro richiama i cieli e i mari del sud, le foglie di basilico vogliono alludere alla genuinità  mediterranea contro le foglie sospette e mariuaneggianti della lega nord. Già  ordinata la stampa di venti milioni di adesivi al sapore di capricciosa. Leccabili.
Facile immaginare che la sagra annuale si terrà  sui prati di Montelepre o nelle piazze di Scampia con distribuzione di pasta con le sarde, caponate, nduje, orecchiette strascinate e, ovviamente, pizze nelle varie declinazioni. Obiettivamente, un menu più invitante della polenta col salame col sottofondo di urla e sputacchi di Bossi..
Il problema invece sarà  trovare un altro Calderoli o, peggio ancora, un emulo di Borghezio.

lastampa.it