Gli studenti, Anno zero e Ignazio La Russa, il bi-ministro

Come al solito sugli incidenti ognuno ha la sua versione. Tra qualche giorno non se ne parlerà  più ma il ministro resta, pronto a ripetere alla prossima occasione (son tutte buone) l’erogazione verbale di olio di ricino.
Il panorama ministeriale é quello che é, ma sarebbe lo stesso interessante sapere per quali motivi a ministro della difesa ci debba stare uno incapace di controllarsi, portatore di un vocabolario volgare, decisamente impresentabile.

lastampa.it