Il vero capo del governo? Che domande: Angelino!

il gonerno Alfrenzi

 

Solo qualche giorno fa la cancellazione del reato di clandestinità per Renzi era una cosa da fare subito, poi è bastato che Alfano alzasse un sopracciglio e non se ne fa più niente.
La giustificazione? Sentiamo Matteo il decisionista: “…crea problemi, intasa le Procure, non serve. Ma tra i cittadini c’è una percezione di sicurezza per cui questo percorso di cambiamento delle regole lo faremo con calma, tutti insieme e senza fretta e quindi non sarà al prossimo Cdm“.
Niente da dire, un rispettabile scrupolo, ma viene da chiedersi come mai non lo abbia avuto quando milioni di cittadini avevano non la la percezione ma la certezza di essere danneggiati dall’eliminazione di diritti sul lavoro.
Forse perché piaceva ad Alfano. E così sarà per le unioni civili: bisognerà fare come dice Angelino. O meglio, come vuole chi lo dice ad Angelino.

lastampa.it