Il Tremonti, sempre pronto a spiegare la vita al prossimo ("adesso le spiego io…") ama rilasciare dichiarazioni in quantità industriale e, per non annoiare, sullo stesso argomento offre versioni varie e contrastanti, anche nel giro di poche ore.
Sulla crisi economico-finanziaria in atto, per esempio:

16 settembre: Tremonti d’accordo con i banchieri: «Da noi impatti marginali»
16 settembre: Crisi mercati: Tremonti, prima o poi finiscono e Italia sara’ piu’ forte
18 settembre: Tremonti: “La crisi si aggraverà. Tasse giù, ma entro 5 anni”

Infine, dopo aver per anni sacramentato "meno stato, più mercato", oggi dichiara candido:
"dalla crisi si esce con un ritorno al pubblico"

Ministro dell’economia.
Quando si dice la coerenza…