Fiducia sì, fiducia no. Fini, Rutelli e Casini sono tutti incazzati, ma trattabili; e così un giorno minacciano sfracelli e l’altro – impauriti da eventuali elezioni – si dimostrano aperti e malleabili in nome del bene dell’Italia.
Tutti i partiti si scambiano violente contumelie sui giornali e negli infiniti talksciò, ma sotto sotto trattano, vendono, comprano, regalano, fottono. Pare che i fili li tenga in mano Gianni Letta e il risultato più prevedibile é un ritorno alle origini con un’alleanza Berlusconi-Bossi-Casini-Fini. E la sceneggiata di una legge elettorale finta-nuova.
Con la sinistra a guardare e Di Pietro a diffondere urla sgrammaticate. Vabbé…

corriere.it