54 a 46 non é certamente il risultato che Marpionne e i marpionisti si aspettavano. La differenza l’hanno fatta gli impiegati, che non risulta frequentino le catene di montaggio auto e smontaggio uomini.
Il totale dei sì é inferiore agli iscritti dei sindacati favorevoli all’accordo e comunque é chiaro dal risultato che la maggioranza ha accettato perché senza alternative. Ed ora é da vedere come il trionfale piano possa svolgersi con quasi metà  dei lavoratori (e la maggioranza di quelli che le auto veramente le fanno) che ha votato contro.
Non tutto é da buttare, e questo referendum ha evidenziato il tifo del governo (della libertà , pensa te…) per le soluzioni autoritarie. E ora é ancora più chiaro con chi sta e nessuno può più affermare il contrario.
Purtroppo, ha messo in luce anche la triste figura del PD che, a fronte di un attacco alla democrazia in fabbrica – con forti possibili ricadute negative su tutto il mondo del lavoro -, non ha saputo che pesci pigliare. Li prenderanno in faccia, e diranno ancora che la gente non ha capito.
Come no…

lastampa.it