napolit_lib.gifChe s’a’ da fa’ pe vennere nu giurnale…

‘Sto giornalista certo se crere
libbero e intelligente
e spirituso assaie,
ma è isso l’incontinente.

E nu pannolone s’o mette
stritto sotto ‘o cappiello
pe’ nun fa’ scappa’ ‘a mmerda
ca tene dint’o cerviello.

……………………………………………..
Non a tutti è noto "l’altro" Napolitano, l’autore delle poesie pubblicate con lo pseudonimo di Tommaso Pignatelli, «Pe cupià ‘o chiarfo», una raccolta di sonetti in dialetto napoletano della quale parla un giorno al mensile Poesia: «Antonello Trombadori diceva che le mie poesie erano le più anticomuniste che avesse mai letto, Natalia Ginzburg invece le adorava».
Considerando che in queste ore ha cose più importanti da fare, mi sono permesso indegnamente di immaginare una sua garbata reazione in versi.
Mi perdonino lui e i napoletani per qualche strafalcione.
Come si dice? Basta il pensiero…